PORTALE   FORUM   FAQ  
Iscriviti  Login
Indice Multimedia Letteratura

Malpaga

Opere ed autori

Malpaga

Messaggioda Insight » lun 7 ott 2019, 16:44

Romanzo dello scrittore Nantas Salvalaggio uscito nel 1972.




Ambientato nella frazione di Malpaga, un paesino di circa mille abitanti che si trova (almeno stando al libro) sulle rive del Lago di Garda, tra San Felice e Limone, nella provincia di Brescia, in un periodo che va dall’inverno all’estate dell’anno 1970.

Possiamo definirlo un romanzo “corale”, dove protagonista è tutta la comunità con i suoi abitanti, che sono quasi dei “caratteristi”: Ippolito il barbiere, Ettore lo spazzino, Dario il benzinaro, il Nardini detto “Fiasco” (un inguaribile beone), etc., etc.

Svettano, tuttavia, due personaggi principali: Mafalda Merici e il dottor Paolo Staffieri, detto “dutùr”.

Non c’è un’unica storia, ma tanti piccoli episodi spesso conditi in “salsa piccante”. Preme all’Autore mettere in luce i “peccati carnali” della comunità (tradimenti, fughe d’amore, ragazze molto giovani che rimangono incinte, prostituzione, violenze sessuali, etc., etc.). Nonché l’ipocrisia con la quale si cerca di tenerli nascosti e, allo stesso tempo e in maniera contraddittoria, i pettegolezzi con i quali si cerca di amplificare i “peccatucci” e di creare gli scandali…

______________


Mafalda Merici è una donna di ventotto anni, molto bella, che però nessun giovane di Malpaga prenderebbe mai in moglie, perché undici anni prima ha commesso il “grave peccato” di innamorarsi di uno zingaro delle giostre e di fare un figlio con lui, che poi l’ha abbandonata…

Le cose cambiano quando Mafalda eredita una fortuna dal proprietario del camping che si trova all’interno del paese, che morendo le lascia per testamento tutte le sue sostanze (le malelingue dicono che Mafalda era la sua amante). Ecco farsi sotto vari pretendenti, una volta che Mafalda è diventata ricca. Ma lei non ne vuole sapere e l’unico con il quale sarebbe disposta a dividere la sua fortuna (e la vita) è il dottor Paolo Staffieri.

Ma Staffieri, il “dutùr” ormai sessantenne e malato di tubercolosi (nonché dedito all’alcool), l’unico che è rimasto amico di Mafalda anche quando era una “reietta”, declina gentilmente l’offerta, sapendo che gli rimane ormai poco da vivere e che la bella e giovane Mafalda si merita certamente di meglio.

Del resto anche Mafalda, pur essendo una vittima del perbenismo dei suoi compaesani, non ne è affatto esente, perché vorrebbe sposare il “dutùr” soprattutto per “lavare l’onta” dello zingaro, per riscattarsi dall’errore commesso quand’era più giovane e dare finalmente un padre al suo bambino…

_______________


Malpaga è un paesino affacciato sul Lago di Garda (sebbene io non lo trovi sulla cartina geografica), pittoresco e non privo di fascino. Nebbioso e umido d’inverno, grazioso e soleggiato d’estate, quando si riempie di turisti (tedeschi, danesi, svedesi e olandesi) e la comunità allora si anima, si risveglia dal lungo sonno invernale e si immerge in attività lucrative: tutti allora pensano a far soldi in maniera febbrile e sacrificano ogni altra passione e movente di vita al Dio denaro.

Gli abitanti sono nettamente divisi tra i “popolani” (i poveri) e gli “abbienti”, come lo stesso dottor Paolo Staffieri, che è un bancario bresciano messo in quiescenza per malattia (e forse, come si vocifera, anche perché si presentava in banca con l’Unità sotto il braccio).

Un’altra suddivisione, che largamente ma non perfettamente coincide con quella fra poveri e abbienti, è quella fra comunisti e democristiani. In alcuni episodi, come quello della “guerra” innescata dai “rossi” per far cessare l’assordante suono delle campane della chiesa all’alba, si respira un’aria “guareschiana” e sembra quasi di leggere una storia di Don Camillo e Peppone.

Tra i personaggi più squallidi c’è il farmacista Bandelli, che oltre a stare dietro il banco dell’unica farmacia del paese si diletta anche a praticare guarigioni “magiche” (facendosi pagare profumatamente) e approfittandosi non poco quando le pazienti sono belle e formose ragazze…

Ma l’episodio più tragico e ingiusto è senz’altro quello del giovane Solideo, un ragazzo di diciassette anni che durante l’estate viene “sorpreso” dentro una roulotte del camping in atteggiamenti intimi con un turista tedesco. Il povero ragazzo diventa lo scandalo vivente del paese, additato da tutti come un pervertito che getta discredito sull’intera comunità. E la condanna è unanime, dai cattolici ai rossi. Gli “amici” di Solideo cercheranno addirittura di “farlo guarire”, introducendolo con l’inganno nel postribolo di una nota prostituta del paese. Per il ragazzo sarà l’ennesima umiliazione, che questa volta non reggerà e che lo porterà ad impiccarsi ad un albero quella notte stessa, dopo essersi dato alla fuga.

L’umanità di Malpaga è squallida, ipocrita e perbenista. Tanto che la frase di Oscar Wilde, posta all’inizio del romanzo, suona ironica: “Chiunque può essere buono in campagna. Lì non c’è tentazione”…

***


Una lettura interessante, questo romanzo ormai dimenticato di inizio decennio, che forse, invece, tutti dovremmo riscoprire e tenere a mente per ricordare che la vita nei piccoli paesi di campagna non era sempre così idilliaca come spesso la immaginiamo, solo che si provi a grattare un po' sotto la superficie.
"Lo stolto continua a parlare mentre gli strumenti dicono molto più di questo, stai tranquillo e ascolta quello che non puoi esprimere" (andromeda57)
_____
Anni 80? No, grazie
Insight
Settantiano VIP
Settantiano VIP
 
Messaggi: 5348
Iscritto il: lun 4 nov 2013, 17:20

da Sponsor Anni70 » dom 13 ott 2019, 20:42

Anni70.net - Che cosa vuoi di più dalla vita?

Sponsor Anni70
Settantiano supporter
 

Re: Malpaga

Messaggioda Whiteshark » dom 13 ott 2019, 20:42

Interessante.... lo prenoterò in biblioteca.
Remember:

Cheap and fast is not reliable
Cheap and reliable is not fast
Fast and reliable is not cheap
Avatar utente
Whiteshark
Settantiano VIP
Settantiano VIP
 
Messaggi: 2198
Iscritto il: ven 4 ott 2013, 16:25

Re: Malpaga

Messaggioda franz75 » mar 15 ott 2019, 8:50

Bel libro di Salvalaggio, scrittore che ho sempre trovato piacevole, anche se ricordo che le sue rubriche di costume (ricordo male o ne teneva una su "Oggi" o "Gente"?) gli attrirarono critiche feroci, specie quando stroncò un Vasco Rossi ancora all'inizio della carriera.
In questo romanzo, quel mondo giustamente satireggiato da Salvalaggio è molto simile a quello già vitriolizzato da Germi nello spassosissimo "Signore e Signori" di pochi anni precedente al libro.
Poi, si sa, è pur sempre un romanzo: giusto mettere alla berlina i difetti di un "mondo contadino" o di paese sul quale si è forse romanticheggiato un po' troppo, specie nel Ventennio; per il resto, non è che poi ad ogni passo per le campagne venete e/o lombarde si inciampasse in lussoriosi, ipocriti, speculatori et similia. ;)
franz75
Settantiano guru
Settantiano guru
 
Messaggi: 1139
Iscritto il: mar 11 apr 2017, 11:22

Re: Malpaga

Messaggioda Insight » mar 15 ott 2019, 10:23

Soprattutto, a mio parere, se gli premeva mettere in risalto i difetti della vita di campagna, avrebbe dovuto ambientare la storia in paesi più "contadini", non in un posto che si affaccia sul lago più grande d'Italia... I paesi che si affacciano su un lago, specialmente sul Lago di Garda, sono particolari e vivono per lo più di turismo e di pubblici esercizi (locali, bar, ristorazione, alberghi) e poco di agricoltura. Non mi pare che si respiri in essi quell'aria "rurale" dei paesi dell'entroterra, dove secondo me è più facile rinvenire i "vizi" di Malpaga.
"Lo stolto continua a parlare mentre gli strumenti dicono molto più di questo, stai tranquillo e ascolta quello che non puoi esprimere" (andromeda57)
_____
Anni 80? No, grazie
Insight
Settantiano VIP
Settantiano VIP
 
Messaggi: 5348
Iscritto il: lun 4 nov 2013, 17:20


Torna a Letteratura

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite