PORTALE   FORUM   FAQ  
Iscriviti  Login
Indice Multimedia Musica e radio

The Alan Parsons Project

Dischi, artisti, concerti, emittenti e programmi radio...

Re: The Alan Parsons Project

Messaggioda Whiteshark » mer 27 mar 2019, 22:42

Eye in the sky però è ottantiano..... perodo in cui gli APP, oltre al megasuccesso di quell'album, produssero anche altre cose gradevoli, tra cui nel 1985 "Sterotomy", uno dei miei lavori preferiti, anche se eccessivamente dominato dalle sonorità Yamaha DX7 allora imperanti.
Remember:

Cheap and fast is not reliable
Cheap and reliable is not fast
Fast and reliable is not cheap
Avatar utente
Whiteshark
Settantiano VIP
Settantiano VIP
 
Messaggi: 2228
Iscritto il: ven 4 ott 2013, 16:25

da Sponsor Anni70 » ven 12 apr 2019, 12:11

Anni70.net - Che cosa vuoi di più dalla vita?

Sponsor Anni70
Settantiano supporter
 

Re: The Alan Parsons Project

Messaggioda ataru » ven 12 apr 2019, 12:11

Tra parentesi, a fine mese uscirà il nuovo disco di zio Alan :D dopo diversi anni. Non posso negare di essere molto curioso. :)
Pink Floyd in the flesh !
Avatar utente
ataru
Settantiano top
Settantiano top
 
Messaggi: 335
Iscritto il: mar 24 set 2013, 23:33

Re: The Alan Parsons Project

Messaggioda Whiteshark » ven 12 apr 2019, 22:17

Lo siamo in due, visto che "A valid path" è ormai a quindici anni di distanza.
Remember:

Cheap and fast is not reliable
Cheap and reliable is not fast
Fast and reliable is not cheap
Avatar utente
Whiteshark
Settantiano VIP
Settantiano VIP
 
Messaggi: 2228
Iscritto il: ven 4 ott 2013, 16:25

Re: The Alan Parsons Project

Messaggioda Whiteshark » mar 30 apr 2019, 21:15

Molto bello e commovente il singolo "as light falls", dedicato all'amico Eric Woolfson. Vedremo il lavoro completo, le premesse sono ottime.
Remember:

Cheap and fast is not reliable
Cheap and reliable is not fast
Fast and reliable is not cheap
Avatar utente
Whiteshark
Settantiano VIP
Settantiano VIP
 
Messaggi: 2228
Iscritto il: ven 4 ott 2013, 16:25

Re: The Alan Parsons Project

Messaggioda ataru » lun 20 mag 2019, 16:39

Ascoltato su vinile il nuovo disco di Alan Parson e devo dire che non è affatto male. A dirla tutta mi ha persino sorpreso, anche perchè non pensavo che a 70 anni suonati fosse ancora capace di sfornare un lavoro così pregevole. A mio modesto avviso è un disco che non fa rimpiangere i fasti del Project, molto incentrato sulla melodia e molto meno sull'elettronica, come i precedenti due. Un'altro elemento di raccordo col passato è la presenza di arrangiamenti orchestrali che molto bene si fondono col resto degli strumenti o addirittura quasi da soli reggono il brano, ascoltare One note simphony per rendersene conto. em_drinks
Pink Floyd in the flesh !
Avatar utente
ataru
Settantiano top
Settantiano top
 
Messaggi: 335
Iscritto il: mar 24 set 2013, 23:33

Re: The Alan Parsons Project

Messaggioda Whiteshark » mar 21 mag 2019, 21:53

Anche a me è piaciuto molto, ed anche l'utilizzo di più cantanti mi ha fatto tornare in mente il periodo di "Pyramid" e "Eve". Peccato che, a quanto pare, sia il testamento musicale del nostro.
Remember:

Cheap and fast is not reliable
Cheap and reliable is not fast
Fast and reliable is not cheap
Avatar utente
Whiteshark
Settantiano VIP
Settantiano VIP
 
Messaggi: 2228
Iscritto il: ven 4 ott 2013, 16:25

Re: The Alan Parsons Project

Messaggioda barbatrucco » mar 21 mag 2019, 23:43

Spero di no! C'è anche chi ha voluto vedere nel testo della citata As light falls, bel brano dalla chitarra ritmica che rimanda direttamente al periodo Eye in the Sky e dintorni, oscuri presagi o messaggi, ignorando però, evidentemente, l'omaggio a Woolfson senza contare un voler fare i conti, poeticamente, col tempo che passa.

Comunque, anche se volesse essere un disco di commiato (e ci può stare, vista la distanza intercorsa tra i precedenti lavori di Parsons successivi alla fortunata collaborazione con l'avvocato cantautore) si tratterebbe di un addio alle scene coi fiocchi, a giudicare dalle tracce che in via ufficiale sono state pubblicate sul "tubo".

Il mio giudizio personale è un po' dimezzato dal fatto di non conoscere direttamente i dischi "solisti" del mago della sala di registrazione, ma gli evidenti richiami al Project disseminati qua e là e particolarmente evidenti in alcuni brani, come l'ottima One Note Simphony citata da Ataru, facilitano il compito. Sembra davvero che ci troviamo di fronte a un bel disco, magari un po' disgiunto stilisticamente da un pezzo all'altro (sensazione aumentata dalla scelta, in puro stile Project, di una varietà di cantanti), ma comunque di gran qualità.
Resta di stucco, è un barbatrucco!
Avatar utente
barbatrucco
Settantiano VIP
Settantiano VIP
 
Messaggi: 4398
Iscritto il: sab 28 set 2013, 15:32
Località: basso lazio

Re: The Alan Parsons Project

Messaggioda Whiteshark » dom 27 ott 2019, 15:24

D'altronde chi ha avuto come maestri i Pink Floyd....qualcosa avrà imparato !! :lol:
Remember:

Cheap and fast is not reliable
Cheap and reliable is not fast
Fast and reliable is not cheap
Avatar utente
Whiteshark
Settantiano VIP
Settantiano VIP
 
Messaggi: 2228
Iscritto il: ven 4 ott 2013, 16:25

Precedente

Torna a Musica e radio

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

      
cron