PORTALE   FORUM   FAQ  
Iscriviti  Login
Indice Multimedia Musica e radio

Anni 70.. Disco o cantautori "impegnati" ?

Dischi, artisti, concerti, emittenti e programmi radio...

Anni 70.. Disco o cantautori "impegnati" ?

Messaggioda andrea12 » ven 26 lug 2019, 8:03

Identifico gli anni 70 con la musica disco..
I cantautori italiani, tranne qualche canzone ( Rimmel per esempio ).. non avevano "innovato" niente per quello che mi riguarda.
Guccini lo canticchiavano ma non è mai stato sinonimo di musica.
Ascoltavo Drupi Sandro Giacobbe e Leano Morelli molto volentieri.
Ovviamente Lucio Battisti e De Andrè tenevano banco durante le gite scolastiche.( fino ai primi anni delle superiori ricordavo quasi a memoria la Bella Tartaruga diventata famosa qualche anno prima eh eh )
Mi ricordo bene di Berta Filava.. perché per prendere in giro il mio amico Gino ( fotocopia di Miguel Bosè allora ) ripetevo la strofa .. e filava con Gino...e nasceva il bambino...
La musica inglese e americana pop/rock veniva apprezzata anche da quelli che volevano "mettersi in mostra"..e che sembravano dirti.. io so apprezzare la musica "vera" tu no...
C'era un tipo alle superiori in quinta, quando io facevo la prima, che portava nella sua cartella ( tessuto verde di canapa da portare con la cinghia sulla spalla ) oltre ai libri anche un disco dei Kiss -DESTROYER- ( sulla copertina da un lato c'era un logo rotondo con le facce dei componenti di un gruppo che era quasi sconosciuto a tutti )
Lo portava sempre con sé e sempre in bella mostra..
Mi sembrava mezzo scemo a dir la verità...
Avatar utente
andrea12
Settantiano entusiasta
Settantiano entusiasta
 
Messaggi: 282
Iscritto il: mer 15 mag 2019, 7:02

da Sponsor Anni70 » mar 6 ago 2019, 16:47

Anni70.net - Che cosa vuoi di più dalla vita?

Sponsor Anni70
Settantiano supporter
 

Re: Anni 70.. Disco o cantautori "impegnati" ?

Messaggioda Milord » mar 6 ago 2019, 16:47

L'interrogativo di Andrea12 (cui inspiegabilmente nessuno ha dato corso) è pressoché senza risposta, ovvero gli anni Settanta sono intrinsecamente pregni tanto della musica d'autore che della disco music (e possiamo tranquillamente aggiungere il rock tout court, comprensivo del pop). Non solo, cantautori e fautori della disco erano in chiara e netta contrapposizione: il primo genere implicava un certo impegno (talvolta pure politico in senso lato), mentre il secondo era pura controcultura, spensieratezza, e purtroppo finiva spesso associato a droga e promiscuità, che ne decretarono poi la fine.
In ogni caso, non ha neanche senso schierarsi con l'uno piuttosto che con l'altro, sono entrambi Seventy e stop.
em_drinks
Avatar utente
Milord
Settantiano entusiasta
Settantiano entusiasta
 
Messaggi: 140
Iscritto il: sab 12 ago 2017, 16:08

Re: Anni 70.. Disco o cantautori "impegnati" ?

Messaggioda galerius » mar 6 ago 2019, 18:33

Io ero - e tutto sommato sono rimasto - un "nè-nè" ; i cantautori ( con poche eccezioni e tenendo conto che sotto quest'etichetta sono compresi personaggi e stili diversissimi...ma qui si parla, se ho capito bene, degli "impegnati" : Guccini, De André, e mettiamoci anche Ivan della Mea, Sergio Liberovici, Paolo Pietrangeli*, Giovanna Marini ecc.) musicalmente non mi dicevano granché, e d'altra parte non ho mai apprezzato troppo la disco.
Preferisco il pop italiano, inteso in senso lato, con una certa elasticità ( comprendendo cioè anche certi cantautori ).

* Contessa però mi piaceva...
Attento, Black Jack, perché adesso ti tingo...sarebbe "ti tengo", ma è per far rima con...GRINGO...!
------------------------------------------
Avatar utente
galerius
Settantiano VIP
Settantiano VIP
 
Messaggi: 3901
Iscritto il: lun 21 ott 2013, 11:40
Località: Luserna San Giovanni - TO

Re: Anni 70.. Disco o cantautori "impegnati" ?

Messaggioda Mauro Tozzi » mer 7 ago 2019, 7:33

Comunque nel 1976 Lucio Battisti con Ancora tu tentò di trovare un punto di contatto tra musica d'autore e musica disco. ;)
Occhi di gatto, un altro colpo è stato fatto!

Per far vincere i cattivi, basta che i buoni non facciano niente.
Avatar utente
Mauro Tozzi
Settantiano VIP
Settantiano VIP
 
Messaggi: 1821
Iscritto il: gio 31 ott 2013, 15:33
Località: Roma

Re: Anni 70.. Disco o cantautori "impegnati" ?

Messaggioda andrea12 » mer 7 ago 2019, 8:33

Mauro Tozzi ha scritto:Comunque nel 1976 Lucio Battisti con Ancora tu tentò di trovare un punto di contatto tra musica d'autore e musica disco. ;)


Una donna per amico è forse più disco di "ancora tu"..
Collego gli anni 70 alla disco, perché dal 1975-1976 in ( anche perché diventai ragazzo a metà anni 70 )poi le radio trasmettevano tantissima disco-music/pop.. molto più della musica dei nostri cantautori.. le cui canzoni "impegnate" erano numericamente parlando in rapporto di 1 / 10 rispetto alle canzoni disco che uscivano.
Insomma il rapporto quantità/quantità era a favore della musica spensierata... Difatti tirati via gli 8 o 10 cantautori e gruppi "impegnati Italiani" per riempire il palinsesto radiofonico dovevi per forza pescare dalla nuova rivoluzione musicale.. cioè la disco music..
Ultima modifica di andrea12 il mer 7 ago 2019, 8:36, modificato 1 volta in totale.
Avatar utente
andrea12
Settantiano entusiasta
Settantiano entusiasta
 
Messaggi: 282
Iscritto il: mer 15 mag 2019, 7:02

Re: Anni 70.. Disco o cantautori "impegnati" ?

Messaggioda hal9000 » mer 7 ago 2019, 8:35

io nel decennio sopportavo appena l'una e gli altri... ero (ed lo sono tuttora) esterofilo,
De Andrè lo apprezzavo certo, ma in versione con la PFM, (devo dire che mi sono abbondantemente
ricreduto), ma io sono un rockettaro, come ho raccontato più volte essendo io l'unico tra gli amici ad
avere uno stereo completo capitava che comprassimo un disco in comune, io lo passavo su cassetta
per loro e poi mi tenevo il disco, così nella mia collezione ho una bella quantità di discomusic che trovo
tuttora inascoltabile.
Avatar utente
hal9000
Settantiano top
Settantiano top
 
Messaggi: 551
Iscritto il: lun 23 dic 2013, 21:09

Re: Anni 70.. Disco o cantautori "impegnati" ?

Messaggioda andrea12 » mer 7 ago 2019, 8:45

hal9000 ha scritto:io nel decennio sopportavo appena l'una e gli altri... ero (ed lo sono tuttora) esterofilo,
De Andrè lo apprezzavo certo, ma in versione con la PFM, (devo dire che mi sono abbondantemente
ricreduto), ma io sono un rockettaro, come ho raccontato più volte essendo io l'unico tra gli amici ad
avere uno stereo completo capitava che comprassimo un disco in comune, io lo passavo su cassetta
per loro e poi mi tenevo il disco, così nella mia collezione ho una bella quantità di discomusic che trovo
tuttora inascoltabile.


Il cosiddetto rock ( Led Zeppelin ) fino a metà anni 70 praticamente non lo conoscevo. Ero bambino o poco più ed in tv, cioè primo e secondo.. i cantanti rock inglesi praticamente non esistevano... Le hit parade di Luttazzi avevano poco rock nelle classifiche .. I miei fratelli amavano la musica senza esagerazioni ma non particolarmente il rock.( Mi ricordo un disco di Emerson Lake & Palmer e di Lou Reed "Coney".. ma niente altro )
Posso dire di aver scoperto il rock GB/USA con le prime radio libere anche se trasmettevano principalmente altri tipi di musica ( Ovviamente sul mercato trovavi radio per tutti i gusti... io ascoltavo anche radio Gambellara che trasmetteva il liscio spesso e volentieri )
Ultima modifica di andrea12 il lun 2 set 2019, 7:25, modificato 1 volta in totale.
Avatar utente
andrea12
Settantiano entusiasta
Settantiano entusiasta
 
Messaggi: 282
Iscritto il: mer 15 mag 2019, 7:02

Re: Anni 70.. Disco o cantautori "impegnati" ?

Messaggioda Insight » gio 8 ago 2019, 12:00

"L'eccitazione è un sintomo d'amore" è una delle frasi più impegnate di Mogol/Battisti :)
"Lo stolto continua a parlare mentre gli strumenti dicono molto più di questo, stai tranquillo e ascolta quello che non puoi esprimere" (andromeda57)
_____
Anni 80? No, grazie
Insight
Settantiano VIP
Settantiano VIP
 
Messaggi: 5430
Iscritto il: lun 4 nov 2013, 17:20

Re: Anni 70.. Disco o cantautori "impegnati" ?

Messaggioda andrea12 » gio 8 ago 2019, 13:27

Insight ha scritto:"L'eccitazione è un sintomo d'amore" è una delle frasi più impegnate di Mogol/Battisti :)


La musica ( il trend odierno è quasi solo "rumore" musicale, ma la musica di Battisti è attualissima..e non risente degli anni che porta sulle spalle ) e gli arrangiamenti rendevano grande Battisti, che ho cominciato ad apprezzare, anche per questioni di età, dal 1976 in poi.
I testi sono importanti.. ma la musica lo è ancor di più.
Il giovane Vasco della fine anni 70 lo credevo probabile successore di Battisti.. ma ahimè.. dopo le prime canzoni è partito per la tangente delle ripetizioni ( niente di paragonabile all'assurdo Ligabue )

Sono comunque pochi i capolavori musicali basati su semplici accordi di una chitarra acustica.

Io ascolto Old man di Neil Young con un tuffo nel cuore. La chitarra suonata da Young "sembra magica per me"...

Il disco arrivò tardi in casa dopo il 1976 come regalo di una zia per tutti noi fratelli ( la zia più giovane ) invitata a cena con la sua famiglia.

Piaccia o non piaccia.. parlare di musica anni 70 significa parlare di Lucio Battisti..
Avatar utente
andrea12
Settantiano entusiasta
Settantiano entusiasta
 
Messaggi: 282
Iscritto il: mer 15 mag 2019, 7:02

Re: Anni 70.. Disco o cantautori "impegnati" ?

Messaggioda Insight » ven 9 ago 2019, 8:05

Ligabue, secondo me, è l'erede naturale di Battisti... Ha lo stesso appeal e un'estensione vocale simile... Peccato che non abbia avuto a disposizione un paroliere-poeta come Mogol, altrimenti ci avrebbe regalato chissà quante "tu chiamale se vuoi..."
"Lo stolto continua a parlare mentre gli strumenti dicono molto più di questo, stai tranquillo e ascolta quello che non puoi esprimere" (andromeda57)
_____
Anni 80? No, grazie
Insight
Settantiano VIP
Settantiano VIP
 
Messaggi: 5430
Iscritto il: lun 4 nov 2013, 17:20

Prossimo

Torna a Musica e radio

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite